Categorie
Mimesia | Tiziana Alma Scalisi
175
archive,tag,tag-tiziana-alma-scalisi,tag-175,ajax_fade,page_not_loaded,,side_menu_slide_from_right,qode-theme-ver-16.8,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive
 

Tiziana Alma Scalisi Tag

Ciò che amo dei miei figli, tra le altre cose, è la cura. Cura significa amore per tutto ciò che fanno, per come lo fanno soprattutto quando non guardo. Quando sono altrove loro riversano se stessi nelle piccole cose e facendolo mi nutrono. Questo è...

Il mare tuona e ruggisce, ulula e schianta, scivola e accarezza, scioglie e monta, romba e urla, tuona! Si infrange e resta integro.   [video width="768" height="1024" mp4="http://www.mimesia.it/wp-content/uploads/2021/02/VID-20210202-WA0022.mp4"][/video]...

A volte ritornano. Ebbene sì è la magia della lingua, ci sono termini che lentamente con l'andare del tempo scivolano prima nel desueto, poi nell'arcaico e poi silenziosamente spariscono. E a volte - ecco il caso - invece, ritornano. Divisivo riemerge dalle pagine della memoria per vivere...

Quando si è conosciuto Amore, si riconosce Amore quando lo si incontra negli occhi degli altri. È raro. Molto raro, ma lo ricordo ancora esattamente. Non posso trattenere le lacrime, e non per averlo perso, per averlo conosciuto e per poterlo riconoscere ancora quando lo vedo....

Questa fiaba - La piccola fiammiferaia - rappresenta un pezzo della mia infanzia. Ricordo ancora quel libro. Ricordo perfettamente le illustrazioni. Ricordo ciò che provavo ogni volta che lo leggevo. Indelebile. Una sensazione tattile, un retrogusto dolce amaro, quasi potessi avere consapevolezza di che sapore...

Ci sono momenti in cui vorrei solo restare in quell'interstizio Ferma tra i frammenti di vita che periodicamente mi crollano addosso Restare rannicchiata in quella fessura Ad aspettare che i lividi si asciughino Le gambe tornino a muoversi Invisibile inafferrabile inconsistente come l'aria che mi attraversa Vorrei restare sospesa Evaporare con l'acqua...

"Ciuf ciuf!" "Ciuf ciuf!" Grida Celestino a perdifiato attraversando la collina dei Papaveri Rossi affacciato al finestrino del treno Sbuffaunpò. "Arrivati!" esclama affacciato dal finestrino mentre Sbuffaunpò cigola e borbotta sulle ruote malandate prima di fischiare sfinito e fermarsi proprio davanti al vecchio albero di ciliegie. "Finalmente!"...

Sono una ricetta mal riuscita. Una di quelle con le dosi che non tornano mai. Sempre troppo o troppo poco. L’amante che lascia liberi ma da cui ci si scorda di tornare, forse dovevo chiedere di più. La donna che dice: “mi manchi, ho voglia di...

Cala il sole e sorge la tristezza. Nel mio oltre nessuno viene mai a cercarmi. Lo so. Non saprebbe come trovarmi, in fondo. Non c'è indirizzo per il mio altrove, nessuna mappa, nessuna bussola. Il tempo scorre, si ferma, si dilata, ma non offre coordinate. E...